|
Cerca:     Ricerca avanzata
print  Stampa
Stai visualizzando: 1-30 di 202    »»
Glossario
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
R
S
T
V
W
Z
Tutti

  • Acciai
  • Leghe di ferro e carbonio, con eventuali altri elementi.
  • Acciai al carbonio
  • Acciai praticamente senza altri componenti, oltre Fe - C e piccole quantità di Manganese e Silicio.
  • Acciai austenitici
  • Acciai non magnetici, duri (es. acciai 304 - 316 AISI, al manganese, al cromo, ecc.).
  • Acciai dolci
  • Acciai con basso contenuto di carbonio (meno di 0,15%).
  • Acciai duri
  • Acciai con elevato contenuto di carbonio.
  • Acciai inossidabili
  • Acciai speciali con aggiunta di elementi quali cromo, nichel, vanadio, molibdeno, ecc., che conferiscono loro determinate proprietà meccaniche.
  • Acetilene
  • L'acetilene è un gas combustibile senza colore e senza sapore, ma con un odore molto caratteristico. E' molto infiammabile se mescolato con l'aria o con l'ossigeno. In presenza di rame, argento, leghe di rame contenenti più del 70% di questo metallo, o di mercurio, si può formare un prodotto esplosivo. Per impiegarlo industrialmente viene disciolto nell'acetone riempiendo le bombole di una materia porosa atta a ritenere l'acetone con l'acetilene in esso disciolto.
  • Adescamento (o innesco-accensione)
  • (Dell'arco)
    Inizio della saldatura mediante un corto-circuito fra elettrodo e metallo-base, o mezzo equivalente.
  • Allungamento
  • (Di un metallo sotto sforzo di trazione)
    Indice della capacità di deformarsi senza rompersi.
    Si misura su una provetta lunga 5 volte il suo diametro e tirata fino a rottura. La differenza percentuale fra lunghezza finale e quella iniziale dà  l'allungamento (A%50).
  • Amperometro
  • Misuratore della corrente che passa in un circuito elettrico (es. 130 Ampère).
  • Ampére
  • Unità  di misura della corrente elettrica. Simbolo A.
  • Amplificatore magnetico
  • Organo di regolazione usato nelle saldatrici.
  • Angolo
  • (Di un cianfrino)
    Vedere "cianfrino"
  • Anidride carbonica
  • (Simbolo CO2)
    Gas protettivo usato in saldatura. Viene distribuito in bombole, allo stato liquido.
  • Anima
  • Parte interna dell'elettrodo, in trafilato metallico, a sezione circolare.
  • Arco
  • (Elettrico)
    Sorgente di calore; generato dal passaggio di una corrente elettrica fra due conduttori distanziati leggermente fra loro, come elettrodo e pezzo da saldare.
  • Arco pulsante
  • Saldatura mediante impulsi di corrente.
  • Arco sommerso
  • Saldatura ad arco con protezione di polvere (flusso).
  • Argon
  • (Simbolo Ar)
    Gas usato come protettivo in saldatura, non reagendo con alcun elemento chimico.Viene distribuito in bombole.
  • Avvolgimento
  • Conduttore elettrico, a forma di spirale, awolto normalmente attorno ad un nucleo di ferro, come avviene nei trasformatori.
  • Bagno
  • (Di fusione)
    Zona fusa dall'arco elettrico nel metallo-base, ove cola il materiale fuso dell'elettrodo.

  • Barra
  • Conduttore rigido, a sezione non circolare, generalmente di rame.
  • Bobina
  • Circuito elettrico awolto a spirale; parte di un awolgimento.
  • Bobina di autoinduzione
  • Sinonimo di "reattanza"
  • Bobina di reattanza
  • Vedere  "reattanza"
  • Bombole di gas
  • Le bombole di gas sono recipienti ad alta pressione in acciaio o in lega leggera costruiti appositamente allo scopo di contenere i gas compressi a 200 atmosfere.Si differenziano, per i vari tipi di gas, dalla colorazione dell'ogiva (bianca per l'ossigeno, arancione per l'acetilene, grigia per l'argon, ecc.).
  • Bonifica
  • Trattamento termico ad alta temperatura cui vengono sottoposti speciali tipi di acciaio per elevarne le caratteristiche di resistenza e durezza.
  • Brasatura
  • La brasatura consiste nell'assemblare pezzi metallici con l'ausilio di un metallo d'apporto la cui temperatura di fusione è inferiore a quella dei pezzi da assemblare. Il metallo d'apporto penetra per capillarità  fra i pezzi da assemblare, previamente sottoposti a decapaggio. La brasatura è molto spesso impiegata per l'installazione di impianti sanitari e idrici o per la fabbricazione di biciclette. Per la brasatura forte è necessaria una fiamma potente e riducente (acetilene, tetrene). La brasatura è il più antico procedimento utilizzato dall'uomo per unire, per fusione, due pezzi metallici. Infatti era già conosciuto ed usato dai Fenici e dagli Etruschi. Attualmente è un procedimento fra i più diffusi ed è¨ applicato sia nell'industria, sia dagli artigiani. Per la brasatura si utilizzano le stesse apparecchiature della saldatura ossiacetilenica, però è di esecuzione molto rapida. La temperatura di esecuzione del giunto è meno elevata di quella richiesta dalla saldatura ossiacetilenica. La brasatura non richiede operazioni meccaniche di finitura e le deformazioni del pezzo, dovute alle dilatazioni, sono trascurabili o ridotte al minimo. La brasatura è impiegata in sostituzione della saldatura autogena quando : # E' necessario diminuire il riscaldamento del pezzo # I giunti sono costituiti da materiali difficilmente saldabili # I pezzi sono di natura differente e la loro saldatura è impossibile # L'aspetto estetico del giunto è di importanza prioritaria o indispensabile. In funzione della temperatura di fusione del metallo d'apporto, come abbiamo detto, possono essere utilizzati diversi mezzi di riscaldo. La temperatura di fusione determina poi la brasatura dolce o la brasatura forte. Senza citare tutti i campi di applicazione, ricordiamo i più importanti, quali : # Industrie ciclo e motociclo # Industrie elettrodomestici # Impianti chimici e termosanitari per la brasatura di tubazioni in rame con giunto a bicchiere.
  • Brinnel (HB)
  • Unità di misura della durezza di un metallo.
  • C02
  • Simbolo- dell'anidride carbonica.